Scuola dell'Infanzia - Scuola Primaria Paritaria

Istituto Sacro Cuore - Suore San Giovanni Battista

06 25 98 941

suore_battistine@libero.it

Via Manduria, 51

Roma, 00171

07:30 - 16:30

Da Lunedì al Venerdì

06 25 98 941

suore_battistine@libero.it

Via Manduria, 51

Roma, 00171

07:30 - 16:30

Da Lunedì al Venerdì

Sant’Alfonso Maria Fusco

Santo Alfonso Maria Fusco

Sant’Alfonso Maria Fusco

Alfonso Maria Fusco (Angri, 23 marzo 1839 – Angri, 6 febbraio 1910) è stato un presbitero italiano, fondatore della congregazione delle Suore di San Giovanni Battista. Beatificato nel 2001, è stata proclamato santo da papa Francesco nel 2016.
Nacque ad Angri, in provincia di Salerno, da Aniello Fusco e Giuseppina Schiavone, primogenito di cinque figli. Gli fu dato il nome di Alfonso Maria de’ Liguori dai genitori per grazia ricevuta per la nascita del loro primo figlio. Aveva un carattere mite ed era molto sensibile ai poveri e alla preghiera. Ricevette la Prima Comunione all’età di sette anni e, poco dopo, anche la Cresima. Manifestò ai genitori la sua vocazione all’età di undici anni. Il 5 novembre 1850 entrò nel seminario vescovile di Nocera dei Pagani.

« Vorrei che anche la mia ombra potesse far del bene! »

(frase celebre recitata spesso da Alfonso Maria Fusco)

Fin dagli anni del seminario, ispirato pare in sogno da Gesù, desiderava fondare sia un convento per le suore sia un orfanotrofio maschile e femminile per accudire i giovani. Grazie all’incontro con la nobildonna Maddalena Caputo, una giovane di Angri che aspirava alla vita religiosa, il 26 settembre 1878 fondò l’«Ordine delle Suore Battistine del Nazareno», che in seguito avrebbe preso il nome di suore di San Giovanni Battista. Il 2 agosto del 1888 l’istituto venne approvato dal vescovo di Nocera Luigi del Forno, e Maddalena Caputo ne fu la prima superiora. Il 29 settembre 1889 don Alfonso fondò l’istituto educativo denominato «Opera degli Artigianelli».
Morì ad Angri il 6 febbraio 1910 per morte naturale.

Scoprimi, Signore, la piccolezza della terra e la grandezza del Cielo.
La brevità del tempo e la lunghezza dell’eternità.

Un pensiero al giorno del Santo Alfonso Maria Fusco

  1. Vorrei che anche la mia ombra potesse fare del bene!
  2. La via della Croce è quella che Dio riserva ai suoi eletti.
  3. Iddio è il padre delle misericordie e il Dio di ogni consolazione; egli qualche volta separa queste due qualità: la consolazione si ritira, ma la misericordia sussiste.
  4. Il dolore, la povertà e il disprezzo furono compagni di Gesù, e sono retaggio dei suoi veri seguaci.
  5. Avete commesso un peccato? Non vi fermate a riflettervi, ma a pentirvi e a porvi rimedio.
  6. Non accade niente nel mondo che Dio non voglia o non permetta: Dio non può volere o non permettere niente che non abbia per fine il nostro bene; Dio può cavare bene dal male medesimo, e fare che tutto ridondi a nostro bene.
  7. Iddio soltanto ha il diritto di domandare il nostro cuore. Egli solo è capace di contentarlo.
  8. Per mezzo della pazienza s’impara a vincere e superare se stesso. La pazienza è la salvaguardia ed il sostegno di tutte le virtù. La pazienza ci aiuta a fare il purgatorio in questo mondo e a metterci in stato, lasciando la terra, di essere ricevuti nel cielo e di essere coronati nella gloria.
  9. Quattro cose noi dobbiamo al nostro prossimo: sopportarlo nei difetti, aiutarlo nei bisogni, consolarlo nelle sue pene, edificarlo coi nostri buoni esempi e con la nostra condotta.
  10. Figlia, tutto è vanità: considera seriamente tutto: tutto, tutto è vanità.
  11. Figlia, nel patire si trova Dio.
  12. Chi ama la croce, ossia il patire, ama Gesù. Chi aborrisce il patire, odia Gesù.
  13. Figlia, se vuoi essere perfetta, abbracciati alla Croce.
  14. Il mezzo di trovare Dio è di non cercare più noi stessi.
  15. Per essere di Dio non è necessario l’avere grandi talenti: basta avere un cuore ed amare.
  16. Andiamo a Dio con semplicità, e camminando senza contare i passi.
  17. Chi ha bene studiato il Crocifisso sa ogni cosa.
  18. Gesù Cristo è un Dio Crocifisso, e che crocifigge: egli fu crocifisso dai suoi nemici e crocifigge i suoi Amici.
  19. Il passato ci riempie di rimorsi, il presente di disgusto, l’avvenire di timori: abbandoniamoci in braccio alla Provvidenza divina!
  20. Il tempo di cercare Dio è la vita, il tempo di trovarlo è la morte, il tempo di possederlo è l’eternità.
  21. Volete sapere il mezzo di ritrovare Gesù? L’umiltà vi metterà ai piedi della Sua croce, la confidenza nelle Sue mani, l’amore vi collocherà nel Suo Cuore.
  22. Noi non dobbiamo mai dire cosa alcuna che possa offendere il cuore del prossimo.
  23. Le vie del cielo sono: pene, afflizioni, croci, travagli.
  24. Quando tutto ci manca, gettiamoci nelle braccia del Padre e ridestiamo in noi la confidenza.
  25. La carità è come la fede: e però, siccome senza le opere la fede è morta, così è della carità.
  26. Cerca di praticare la santa orazione e giungerai al più alto grado di perfezione.
  27. Quei difetti, che in voi o in altri non potete correggere, raccomandateli a Dio, senza turbarvi aspettate la sua divina disposizione.
  28. La carità deve essere tenera, ardente, benefica, compassionevole, universale, sincera, affettuosa.
  29. Dobbiamo prendere per modello della nostra carità verso il prossimo la carità che Gesù ha per noi.
  30. Gesù mi ha dato cinque pratiche sul silenzio:
    1° Il giorno passa, la notte passa senza rumore, passano in silenzio. Serba anche tu il silenzio; passa sulla terra in silenzio per trovare la gioia in Paradiso.
    2° Quando l’acqua esce dalla sorgente, esce senza rumore, senza tumulto; scorre poi in silenzio.
    3° Quando si mettono in terra le erbe, le piante, i rosai, questi lasciano fare in silenzio, crescono in silenzio, spandono il loro profumo in silenzio; cadono, muoiono in silenzio, fanno tutto in silenzio. Fa’ lo stesso.
    4° L’uva si lascia cogliere in silenzio, si lascia gettare nello strettoio e stritolare in silenzio; il vino allora è dolce. Il buon frutto divien dolce nel silenzio. Pratica il silenzio.
    5° Imita il legno: si lascia tagliare in silenzio, si lascia dipingere con il colore che si vuole in silenzio; si lascia bruciare in silenzio. Lasciati umiliare in silenzio; lavora, soffri, fa tutto in silenzio. Il silenzio custodisce per il Paradiso.
    Scoprimi, Signore, la piccolezza della terra e la grandezza del Cielo.
    La brevità del tempo e la lunghezza dell’eternità.

Preghiera al Santo Alfonso Maria Fusco

Santissima Trinità,
Ti lodiamo per il dono alla Chiesa e al mondo del Beato Alfonso Maria Fusco,
Ti benediciamo per lo spirito evangelico con cui egli ha operato a lode della tua gloria e a vantaggio dei fratelli.
Ti ringraziamo per avercelo dato come intercessore e modello.
Il suo esempio ci guidi a costruire un mondo di giustizia e di pace.
La sua preghiera ci ottenga la grazia che tanto desideriamo.
Amen.