Scuola dell'Infanzia - Scuola Primaria Paritaria

Istituto Sacro Cuore - Suore San Giovanni Battista

06 25 98 941

suore_battistine@libero.it

Via Manduria, 51

Roma, 00171

07:30 - 16:30

Da Lunedì al Venerdì

06 25 98 941

suore_battistine@libero.it

Via Manduria, 51

Roma, 00171

07:30 - 16:30

Da Lunedì al Venerdì

Scuola dell’infanzia

scuola dell infanzia

La Scuola dell'Infanzia

La Scuola dell’Infanzia  (Scuola Materna) è il percorso  prescolastico che si rivolge ai bambini dai 3 ai 5 anni. Gli alunni sono guidati da maestre qualificate che gli aiutano nella crescita mediante il gioco e le programmazioni derivate dagli indicatore nazionali.

PROGETTAZIONE CURRICOLARE

ANNO SCOLASTICO 2016/2017

UNA SCUOLA PER…

UNA SCUOLA DELL’INFANZIA CHE ABILITI A PENSARE CON LA PROPRIA TESTA
ED A SOGNARE CON IL PROPRIO CUORE 

ACCOGLIENZA

Solo insieme si può

1 UNITÀ

La nostra fantasia ci induce a...
diventare bambini editori

2 UNITÀ

La regola delle tre R... non tutto è da buttare... Riduci Riutilizza Ricicla

I.R.C.

Gioire nella nascita, Amare nella resurrezione, Condividere nella chiesa

Accoglienza
Solo insieme si può

UNA SCUOLA DELL’INFANZIA CHE ABILITI A PENSARE CON LA PROPRIA TESTA
ED A SOGNARE CON L PROPRIO CUORE

CAMPO D’ESPERIENZA PREDOMINANTE: Il Sé e l’altro

OSSERVAZIONE

  • Osservare le prime incertezze e le prime difficoltà dei bambini.
  • Osservare le reazioni che il bambino ha in rapporto agli stimoli ricevuti.
  • Osservare le svariate modalità di approccio del bambino al nuovo percorso educativo.

BISOGNO

  • L’atteggiamento accogliente deve protrarsi nel tempo, deve costituire un elemento, di continuità, un’attenzione costante alle dinamiche affettive e ai bisogni dei bambini che emergono.
  • La semplicità delle proposte facilita l’inserimento dei più piccoli, ma da sicurezza anche ai più grandi, che possono sentirsi davvero capaci.
  • Riconoscere i tempi giusti per proseguire con obiettivi più evoluti e, in questa fase, non dobbiamo pensare a “fare”, a “produrre”, bensì “stare”, nelle varie relazioni con la comunità educante.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

  • Si muove con crescente autonomia. (anticipatari)
  • Esprime in modo sempre più adeguato le proprie esigenze e i propri sentimenti. (3 anni)
  • Sviluppa il senso di appartenenza alla scuola. (4 anni)
  • Si impegna ad essere una linea guida per la conoscenza di regole e norme. (5 anni)

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Sentirsi protetti e sostenuti nel cambiamento. (anticipatari)
  • Vivere l’ambiente scolastico in modo positivo. (3 anni)
  • Sentirsi appartenenti a una comunità sociale. (4 anni)
  • Assumere il ruolo di “guida” nei confronti dei più piccoli per sperimentare la responsabilità dei ruoli. (5 anni)

Descrizione delle esperienza e delle attività:

  • Racconto: Un amico in più Guida Nuove scoperte p. 18 – 19
  • Presentazione dei colori primari dal racconto (rosso- corallo; mare blu; sole giallo.
  • Gioco: Una catena dell’amicizia Guida Nuove scoperte p. 47
  • Racconto: Due per favore Guida progettare e ricercare p. 346- 347
  • Canto: A E I O U
  • Poesia: Lo Zainetto Guida Insieme a scuola p. 20
  • Attività: zainetto da costruire. Libro Amico zainetto 5 anni p. 23
  • Attività ricercare immagini rappresentanti i tre valori della poesia. (arcobaleno, girotondo o mani unite, strumenti per conoscere tipo tablet, libri,…)(nello zainetto con la fantasia)
  • Cartellone per l’aula: Un amico in più (raffigurazione della storia)
  • Canto: Aggiungi un posto a tavola, (durante la festa)
  • Gioco: Il mondo marino in movimento (pesci – bambino) disegno del pesce su un cartoncino e differenziare pesci uguali/ diversi per forma, colore, grandezza, ecc.
  • Attività: Tutti al mare! Guida: Cosa si fa oggi n°4 da pg 74 a pg 77
  • Canto: Pesciolino dance
  • Festa dell’accoglienza venerdì 28 ottobre:

Campi di esperienza coinvolti:

  • Il corpo in movimento.
  • Linguaggi, creatività, espressione.
  • I discorsi e le parole.
  • La conoscenza del mondo.
  • Immagini, suoni e colori.

Periodo di applicazione:

  • Settembre – ottobre.

Modalità di verifica (Facoltativa):

  • Foto del cartellone (a scelta).

UNITÀ 1

La nostra fantasia ci induce a… diventare bambini editori

Ciò che i bambini sanno fare insieme oggi, domani sapranno farlo da soli

CAMPO D’ESPERIENZA PREDOMINANTE: I discorsi e le parole

BISOGNO

  • Vincere eventuali timidezze nel lavorare insieme, incrementando le loro abilità relazionali.
  • Nella relazione educativa, i bambini richiedono continui stimoli, per osservare, descrivere, narrare, fare ipotesi, dare e chiedere spiegazioni in contesti cooperativi e di confronto diffuso.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

  • Individua i nomi propri dei personaggi principali. (anticipatari)
  • Costruisce con delle linee guida personaggi e luogo. (3 anni)
  • Comprende la struttura di come si elabora una storia e prova a riutilizzarla a suo modo. (4 anni)
  • Inventa storie e sa esprimerle attraverso il disegno, la pittura e altre attività manipolative. (5 anni)

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Guidarlo ad una scelta fra un ventaglio di nomi. (anticipatari)
  • Attribuire un ruolo specifico a personaggi e scegliere luoghi. (3 anni)
  • Acquisire una prima capacità di ordinare gli eventi secondo una sequenza temporale. (4 anni)
  • Essere capaci di usare la lingua nei suoi diversi aspetti, acquistando fiducia nelle proprie capacità espressive, comunicative, descrittive e immaginative. (5 anni)

Descrizione delle esperienza e delle attività:
COME SI COSTRUISCE UNA FIABA

  • Quando leggiamo una FIABA, non siamo solo curiosi di sapere "come va a finire", ma siamo catturati dalla magia delle situazioni fantastiche che si creano e dalle caratteristiche dei personaggi.
  • La fiaba ha uno schema narrativo fisso: INTRODUZIONE-SVILUPPO-CONCLUSIONE, e presenta situazioni analoghe, azioni e personaggi simili.
  • Lo schema guida sotto riportato, offre suggerimenti e spunti per l'invenzione di fiabe ma non vuole essere prescrittivo se non nei punti più importanti comuni a qualsiasi testo narrativo.

Le parti della fiaba

Le caratteristiche

 Qualche suggerimento

parte iniziale

anticipatari e tre anni

protagonista: descrizione fisica e comportamentale

Una persona di prestigio…re, regine, principi…

Una persona coraggiosa…ragazzo, contadino, cameriera…dotato solo di qualità positive

luogo: descrizione

Una foresta, un castello, il cielo…

tempo: descrizione

C’era una volta…Un giorno…Tanto tempo fa…

antagonista: descrizione fisica e comportamentale

Una persona, un oggetto, elementi naturali… sole, vento, tempesta…che si oppone al protagonista con cattiveria e tenacia.

parte centrale

grandi

difficoltà del protagonista

L’antagonista crea un problema oppure proibisce qualcosa.

Ad un certo punto accade che…

sviluppo della vicenda

Ad un certo punto accadde che….Il giorno dopo….Improvvisamente…

Deve partire per luoghi impervi e lontani per affrontare e risolvere le difficoltà.

Cammina, cammina…

aiutante che fornisce il mezzo magico e superamento delle difficoltà

 Altro personaggio, animale o oggetto e descrizione della prova da superare

 parte finale

medi/grandi

lieto fine

Il protagonista riceve un premio.

 

Campi di esperienza coinvolti:

  • Il corpo in movimento.

  • Linguaggi, creatività, espressione.

  • Il se e l’altro.

  • La conoscenza del mondo.

  • Immagini, suoni e colori.

Periodo di applicazione:

  • Fine gennaio- metà febbraio- marzo..

Modalità di verifica (Facoltativa):

  • Libricino della storia

UNITÀ 2

Le regole delle tre R, non tutto è da buttare…

Riduci

Riutilizza

Ricicla

CAMPO D’ESPERIENZA PREDOMINANTE: La conoscenza del mondo

OSSERVAZIONE

  • Aver osservato comportamenti ecologici non corretti per la salvaguardia dell’ambiente
  • Essere consapevoli dell’esistenza di un problema e della possibilità di affrontarlo e risolverlo

BISOGNO

  • Constatare la possibilità di riconoscere il valore economico ed ecologico del materiale di rifiuto.
  • Riscontrare una modalità significativa di riciclaggio e di impegno attivo della salvaguardia dell’ambiente.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

  • Tenta un primo approccio di selezione di rifiuti (anticipatari).
  • Sperimenta la raccolta differenziata (3 anni).
  • Riconosce tipologie di rifiuti, li seleziona e cerca di trasformarli (4 anni).
  • Realizza semplici costruzioni e/o assemblaggi polimaterici (5 anni).

OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO

  • Sperimentare diverse modalità e tecniche. (anticipatari).
  • Toccare oggetti e materiali secondo criteri diversi, identificandone alcune proprietà. (3 anni)
  • Fare domande, chiedere spiegazioni sull’uso di materiali diversi. (4 anni)
  • Manipolare oggetti e materiali, modificandoli a proprio uso (5 anni)
  • Sperimentare e interiorizzare comportamenti ecologici e di salvaguardia dell’ambiente

Descrizione delle esperienza e delle attività:

  • Filastrocca: Non solo rifiuti. Guida: In viaggio con Pepe p. 847
  • Filastrocca: Filastrocca sul riciclo. Guida: In viaggio con Pepe p. 847
  • Canto: Pepe e l’ecologia Guida: In viaggio con Pepe p. 838 traccia 22
  • Attività : Trenini riciclosi Guida: salviamo l’ambiente p. 60 – 61 – 68 – 76 – 77 – 78
  • Attività : Guida: Insieme a scuola p. 58 – 190 – 191 – 192 – 193 – 324 – 328 – 357 – 358
  • Attività : Il mondo dei suoni. Guida: cosa si fa oggi n°2 p. 266 – 267 – 268
  • Attività: Il castello guida il regno di mille colori p. 30 -31
  • Attività: A scuola prepariamo la carta riciclata Guida Progetto arcobaleno p.214 – 215

 

Campi di esperienza coinvolti:

  • Il corpo in movimento.

  • Linguaggi, creatività, espressione.

  • I discorsi e le parole.

  • Il sé e l’altro.

  • Immagini, suoni e colori

Periodo di applicazione:

  • Maggio e giugno.

Modalità di verifica (Facoltativa):

  • Foto del bambino mentre lavoro (a scelta).

I.R.C.
Gioire nella nascita,
Amare nella resurrezione,
Condividere nella Chiesa.

CAMPO D’ESPERIENZA PREDOMINANTE: Il Sé e l’altro

OSSERVAZIONE

  • Osservare la prevalenza della dimensione consumistica rispetto alla dimensione religiosa.
  • Osservare la poca frequenza alle prassi religiosa.

BISOGNO

  • Sviluppare e valorizzare integralmente la personalità del bambino.

TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLA COMPETENZA

  • Percepire i nomi delle figure cardine della Chiesa. (anticipatari).
  • Intuire il contenuto del messaggio religioso. (3 anni)
  • Conoscere alcuni eventi e fatti che caratterizzano il vissuto religioso. (4 anni)
  • Chiedersi: chi sono io, chi è Dio Padre, chi è Gesù e cosa rappresenta la Chiesa. (5 anni)

Descrizione delle esperienza e delle attività:

Natale

  • Raccontare la storia della Creazione, fare un parallelo con ciò che ha costruito l’uomo.
  • Racconto: LA STORIA DEGLI ANGELI DELL'AVVENTO
    Gli angeli dell'Avvento sono quattro, proprio come le quattro settimane che preparano al Natale. Vengono in visita sulla Terra, indossando abiti di un colore diverso, ciascuno dei quali rappresenta una particolare qualità.
    L'angelo blu. Durante la prima settimana un grande angelo discende dal cielo per invitare gli uomini a prepararsi per il Natale. E' vestito con un grande mantello blu, intessuto di silenzio e di pace.
    Il blu del suo mantello rappresenta appunto il silenzio e il raccoglimento.
    L'angelo rosso. Durante la seconda settimana un angelo con il mantello rosso scende dal cielo, portando con la mano sinistra un cesto vuoto. Il cesto è intessuto di raggi di sole e può contenere soltanto ciò che è leggero e delicato. L'angelo rosso passa su tutte le case e cerca, guarda nel cuore di tutti gli uomini, per vedere se trova un po' di amore…
    Se lo trova, lo prende e lo mette nel cesto e lo porta in alto, in cielo. E lassù, le anime di tutti quelli che sono sepolti in Terra e tutti gli angeli prendono questo amore e ne fanno luce per le stelle.
    Il rosso del suo mantello rappresenta l'amore.
  • L'angelo bianco. Nella terza settimana un angelo bianco e luminoso discende sulla terra. Tiene nella mano destra un raggio di sole. Va verso gli uomini che conservano in cuore l'amore e li tocca con il suo raggio di luce. Essi si sentono felici perché nell'Inverno freddo e buio, sono rischiarati ed illuminati. Il sole brilla nei loro occhi, avvolge le loro mani, i loro piedi e tutto il corpo. Anche i più poveri e gli umili sono così trasformati ed assomigliano agli angeli, perché hanno l'amore nel cuore. Soltanto coloro che hanno l'amore nel cuore possono vedere l'angelo bianco…
    Il bianco rappresenta il simbolo della luce e brilla nel cuore di chi crede.
  • L'angelo viola. Nella quarta e ultima settimana di Avvento, appare in cielo un angelo con il mantello viola. L'angelo viola passa su tutta la Terra tenendo con il braccio sinistro una cetra d'oro. Manca poco all'arrivo del Signore.
    Il colore viola è formato dall'unione del blu e del rosso, quindi il suo mantello rappresenta l'amore vero, quello profondo, che nasce quando si sta in silenzio e si ascolta la voce del Signore dentro di noi.
  • Attività alternativa agli angeli: candele dell’Avvento Guida: il dono della vita p. 25
  • Racconto: Il bastoncino di zucchero guida insieme a scuola p 157
  • Poesia: Natale Guida insieme a scuola p 166 – 167
  • Attività; Piccoli Gesù Guida Nuove scoperte p. 364 – 365 – 366
  • Narrazione dei brani evangelici
  • Il Natale per Papa Francesco Guida In viaggio con Pepe p.658

ALFONSO MARIA FUSCO

  • Racconto: Il miracolo di Gershom, rappresentazione grafica in sequenze: il bambino ammalato – mamma che piange – mamma e suora che pregano . bambino chiede da mangiare.
    Attività: segnalibro (come da modello)

PASQUA

  • Narrazione dei brani evangelici
  • Racconto: Pace a Pasqua Guida Nuova Scoperte p 424 – 425
  • Cartellone illustrativo del racconto
  • Poesia: Cristo è Risorto
    E’ Pasqua! E’ Pasqua! Cristo è risorto
    per portare l’amore nel nostro cuore,
    per dare felicità, pace e libertà.
    La guerra è iniziata, già da molto tempo,
    Gesù! Dacci una mano e fa volar nel vento
    una colomba, ma una soltanto
    perché oggi è Pasqua e si deve amare tanto.
    Senza la guerra il mondo è sereno
    e tutti dicono andremo…
    andremo verso un mondo migliore
    dove la Pasqua significa amore.

 

Campi di esperienza coinvolti:

  • Il corpo in movimento.

  • Linguaggi, creatività, espressione

  • I discorsi e le parole.

  • La conoscenza del mondo.

  • Immagini, suoni e colori

Periodo di applicazione:

  • Novembre, dicembre; febbraio; metà marzo, metà aprile .

Modalità di verifica (Facoltativa):

  • Foglio diviso in tre parti: Natale, Fondatore, Pasqua. (a scelta).

Cira Cuomo - Suor Annarita
Maestra dell'Infanzia

Maestra dell'Infanzia

Sabrina Mosca
Maestra dell'Infanzia

Maestra dell'Infanzia

Suor Antonietta D'Amelio
Maestra dell’Infanzia

Maestra dell’Infanzia

Suor Michelle
Maestra dell’Infanzia

Maestra dell’Infanzia

Giovanna Orlandi
Assistente Maestra dell’Infanzia

Assistente Maestra dell’Infanzia

Silvia Colancecchi
Maestra di Educazione Fisica

Maestra di Educazione Fisica

Mariangela Quesitonio
Maestra di Inglese

Maestra di Inglese